Gli ultimi concerti dei Pooh
Gli ultimi concerti dei Pooh

 

"Abbiamo portato la nave in porto... e senza rimorchiatore. Ma adesso il viaggio è finito, sarà doloroso, ma non si torna indietro. Ora ci dedichiamo alle nostre famiglie". Si accomiatano così i Pooh (Pinocchio il grande musical, Aladin), in un'ultima conferenza stampa in cui annunciano "tante ultime cose", ma soprattutto l'ultimo concertone, quello del 30 dicembre a Bologna, che chiuderà in pompa magna quest’anno trionfale di celebrazioni e festeggiamenti del cinquantennale di carriera. Ancora sei concerti ad Acireale, Caserta, Torino, Roma, Milano, Treviso, per culminare, il 30 dicembre alle ore 20.30, a Bologna con un concerto speciale, che verrà trasmesso eccezionalmente in diretta via satellite al cinema in oltre 200 sale, per permettere ai fan di tutta Italia di assistere alla memorabile serata.
"Un anno fa, dopo la reunion, siamo partiti dal concerto a San Siro pensando di fare solo quello e poi Roma e Messina..." racconta Roby Facchinetti, "e poi invece ne sono arrivati molti altri...sembrava fosse sempre l'ultimo... Questa reunion e questa tournèe però sono davvero il nostro ultimo viaggio. Intravedo il porto e non è una bella sensazione, perchè 50 anni non si possono cancellare così. Si sente il dolore di questa chiusura, ma ormai non si può più tornare indietro, questa è stata la decisione e questa sarà.. costi quel che costi". E poi cita Valerio Negrini: "Ho imparato a dirti amore quando ormai c'era da andare".
Per Red Canzian però oltre al dolore, c'è anche l'orgoglio: "Voglio dare una chiave di lettura diversa a questo momento malinconico. La malinconia deve essere stemperata dal grande orgoglio per aver portato in porto la nave, ma con le luci accese e senza rimorchiatore", e aggiunge: "Questo viaggio è stato importante, ci ha fatto crescere ed è questione di dignità avere il coraggio di fermarsi quando tutto va bene. Per la prima volta riprenderemo in mano la nostra vita, però chiudere in questa maniera darà onore al nostro marchio, e mi auguro che, come dice sempre Roby alla fine dei concerti, la nostra musica continui anche dopo di noi".
Anche Stefano D'Orazio (Cercasi Cenerentola) si associa: "Scendiamo dal palco con le luci accese. Siamo arrivati sani al porto e questo è molto più importante che scendere dal palco. Tutto deve finire. Addirittura i Pooh..." dice scherzando.
E Riccardo Fogli (Ladies - La commedia musicale) ringrazia i "4 ragazzacci" per il viaggio bellissimo fatto con loro: "Poi torneremo dalle nostre mogli, sarà meglio andare a casa e dire loro che tutto può tornare come prima", scherza il cantante.
Intanto il 30 dicembre sarà davvero una serata memorabile. A Bologna, la città che nel 1966 li ha visti nascere e che ora, a cinquant'anni di distanza, ospiterà il loro ultimo concerto i Pooh saliranno su un doppio palco con una lunga passerella. Niente parterre seduti, per volontà stessa della band, "perchè sarà soprattutto una grande festa" e poi tante sorprese, effetti speciali...
Intanto però è già tempo di pensare al dopo-Pooh: "Vogliamo riposare, non il fisico ma la testa, per rimettere in ordine la nostra vita passata sempre con la valigia in mano ", dice Red. "Sarà il momento per renderci conto di ciò che abbiamo fatto e finalmente godercelo pensando di aver contribuito almeno a un pezzetto della storia della musica italiana". Per Stefano, che un addio alla band l'aveva già dato nel 2009: "Vivere senza Pooh si può, è stimolante, si possono riaprire i cassetti con la consapevolezza di non avere perso degli amici, ma dal mattino dopo scopri di avere un calendario incredibilmente vuoto: imparare a improvvisare per una volta è bello".
"Il segreto per stare 50 anni insieme? Invece che sminuire l'altro, abbiamo sempre cercato di sostenere chi era diverso tra noi, chi pensava diversamente, e questo senso di unione forse è stato quello che ha formato 50 anni di successo", ha detto Dodi Battaglia. "Nessuno della formazione iniziale è rimasto adesso", ha aggiunto il chitarrista, "Quindi mi verrebbe da dire che fare musica con i Pooh è quasi un modus vivendi. Quelli rimasti sono uniti da un fatto di chimica, talento, costanza, cominciamo a lavorare alle 10 del mattino e finiamo alle 8 di sera, e da una mentalità di chi confronta l'un l'altro gli entusiasmi e le passioni".
L’ultimo video dei Pooh è per "Pierre" loro brano storico sul tema dell’omosessualità. Si tratta di un corto diretto da Cosimo Alemà in cui si racconta di un amicizia fra un travestito e un altro uomo. La canzone è in una nuova versione a cinque voci. Intanto il 1° dicembre uscirà 'Pooh50Verona', un libro fotografico pubblicato da Contrasto, che raccoglie le immagini e le emozioni dei tre concerti sold out dei Pooh all'arena di Verona.(Fonte: tg.com)

© Musical.it - Notizia del 30 novembre 2016

P.I. e C.F.: 01424700431 | Dati societari | Privacy & Cookie Policy

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.036 secondi
Powered by Simplit CMS