Torna "E se... Il Piccolo Principe"
Torna "E se... Il Piccolo Principe"

 

Uno spettacolo di danza e prosa, dall'aspetto e dalla struttura agile e scorrevole e nello stesso tempo intensa ed emozionale dove, attraverso il testo e la colonna sonora molto cinematografica, si vuole, senza alcuna presunzione, strizzare l'occhio anche alla poesia. Lo spettacolo “E se… Il Piccolo Principe”, che ha debuttato in Prima Nazionale nel febbraio 2012 a Milano, è stato in Tour nel 2013 nelle più grandi città con grande successo di critica, torna in scena festeggiando i cinque anni dalla data del suo debutto dal 20 al 22 Marzo 2017 allo Spazio Avirex Tertulliano di Milano, in collaborazione con Sold Out di Maurizio Colombi. L'amore e la passione nel ricordo di una celebre storia che ha affascinato intere generazioni, coltivate negli anni da Tony Lofaro, ideatore dello spettacolo, ritrovano forma grazie a Daniele Cauduro, testi e regia, e Davide Perra al quale è affidata la colonna sonora interamente inedita. La direzione artistica e le coreografie sono invece a cura di Tony Lofaro. “Una visione trasversale di una storia che ha affascinato intere generazioni, un viaggio trasognato fra testo e danza, essenziale e simbolico – cosi afferma il coreografo e direttore artistico, Tony Lofaro – Abbiamo voluto rimescolare la storia per farla rivivere nelle parole e nella voce di un unico personaggio femminile. Attorno a lei presenze fantastiche, spogliate dell’aspetto favolistico divengono maschere danzanti dalle sensazioni umane, mentre un bambino cresce ed impara a vivere” Cinque interpreti in scena, tra i quali tre talentuosi danzatori (Luigi Allocca, Massimo Prandelli, Manuel Rapicano) affidati alla maestria, creatività e sperimentazione di Lofaro, danno vita ad una selezione di personaggi chiave del viaggio del Piccolo Principe, raccontando la propria personalità attraverso l'uso del corpo. Nel ruolo del Piccolo Principe il talento di Matteo Sala, giovane ed intenso performer. Beatrice Baldaccini, fra le più acclamate protagoniste del musical italiano, reduce dai più famosi spettacoli musicali degli ultimi anni quali Footloose, Grease, Pinocchio il Grande Musical, Cenerentola, è l’unica donna in scena nel ruolo trasversale della Rosa. La visione al femminile di tutta la storia, vera struttura e vera stravaganza dello spettacolo, offre al pubblico gli strumenti necessari affinché ognuno, con la propria sensibilità e la propria esperienza, possa cogliere quel che meglio crede, proprio come lo stesso romanzo ha suscitato per anni ed anni in intere generazioni di giovani lettori. I costumi dello spettacolo sono nati dalla genialità di Cicci Mura, l'allestimento scenico è affidato a Cristiano Mazzarella, sotto progetto scenografico di Lucia Franciosa. Lo spettacolo nasce dall’Associazione Culturale “L’Asteroide DanzaTeatro”, capitanata da Antonio Cacciapuoti, giovane imprenditore con un passato di esperienze artistiche, grazie alle quali ha coltivato la propria passione per l’arte fino all’incontro con Tony Lofaro. “In questo momento storico, in cui i giovani talenti italiani continuano a scappare all’estero, ho deciso di fare una scelta in controtendenza e dare fiducia ai giovani. Ho conosciuto Tony Lofaro anni fa, e ho da subito apprezzato la sua professionalità e il suo genio artistico e così, quando mi ha presentato questa nuova idea, ho creduto da subito in questa nuova avventura e ho deciso quindi di produrre lo spettacolo. Voglio che questo spettacolo, oltre al valore artistico, dia un segnale positivo a tutti i giovani e alla società in generale, per continuare a credere e a lottare, pur nel momento di crisi e difficoltà che stiamo attraversando. E la strada da percorrere è proprio quella della fiducia che va riposta nelle giovani generazioni.” “E se… Il Piccolo Principe” sostiene nuovamente con orgoglio, dopo la collaborazione del 2013, un progetto di AMREF (African Medical and Research Foundation). Attraverso l’acquisto del merchandising dello spettacolo, firmato dallo spettacolo e da AMREF si sosterrà il progetto Wish in Sud Sudan, “Women in School Health”. Wish è volto a ridurre la mortalità materno infantile, contribuendo all’incremento del personale sanitario femminile in Sud Sudan, attraverso la promozione dell’istruzione secondaria scientifica femminile. Contribuendo a questo progetto si potranno sostenere gli studi di giovani ragazze che poi potranno diventare ostetriche, infermiere o medici nel loro paese. AMREF è attualmente la più grande organizzazione medica del continente africano.

© Musical.it - Notizia del 10 marzo 2017

C.F. 02634550400 - P.I. 13258930158 | Dati societari | Privacy & Cookie Policy

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.087 secondi
Powered by Simplit CMS