Ecco Shrek in musical: è Nicolas Tenerani

News

Scritto da: Redazione • 5 Settembre 2012
Sei in:  / Home / News / Ecco Shrek in musical: è Nicolas Tenerani

E’ con noi oggi Nicolas Tenerani, che il prossimo 9 ottobre debutterà nel ruolo di “Shrek” nella versione italiana del musical che, dopo il debutto a Broadway nel 2008, è attualmente in scena anche a Londra (fino al prossimo 24 febbraio) con grande successo.

 

Ci racconti prima di tutto un po’ della tua storia personale?
Allora, intanto grazie per lo spazio dedicatomi, sono anni che leggo il vostro portale ed è per me un vero onore. Io sono nato in Belgio e fin da piccolo ho dimostrato la mia passione per l’arte. Ho cantato in pubblico la prima volta a 4 anni! Poi, in Italia, ho avuto modo di sviluppare queste mie passioni grazie alla mia professoressa di lettere, Neida Olivieri, che durante le superiori mi ha spinto e spronato a renderle mestiere. Quindi mi sono trasferito a Roma e lì ho iniziato i miei studi di recitazione accanto a maestri come Giulio Scarpati, Silvia Luzzi, Giovanna Mori. Dopo diverse esperienze in vari cortometraggi ed una lunga pausa, con la “Compagnia della Quarta” di Bologna ho ripreso l’attività collaborando a bellissimi progetti come “OthelloOperaRock”ed “Honey Pie”. E  poi la grande occasione con “Don Zeno – L’uomo di Nomadelfia”, dove ho ritrovato il mio maestro Giulio Scarpati. La fiction del 2008 grazie a più di 8 milioni di spettatori è stata un grande successo targato Rai1. Terminata quell’esperienza ho iniziato a fare audizioni nell’ambito del teatro musicale, e sono stato scelto da Maurizio Colombi come cantante solista nel “Christmas Show”; successivamente eccomi di nuovo a collaborare con Maurizio in “Peter Pan-il musical”, nel ruolo di Capitan Uncino, una bellissima esperienza conclusa con la realizzazione del DVD ufficiale dello spettacolo. Appena sceso dalla nave mi sono avventurato nella foresta di Sherwood, accanto ad un altro grande maestro, Manuel Frattini, in “Robin Hood-il musical”, con la regia di Fabrizio Angelini. Poi “Il libro della giungla” nel ruolo di Baloo, che mi ha dato l’onore di lavorare con Gillian Bruce e di conoscere amici speciali come Elena Nieri ed Heron Borelli. Poi ecco iniziare l’avventura targata Stage Entertainment di “Sister Act-il musical divino”. Un’emozione ancora forte nel mio cuore: raramente si trova una armonia così tangibile nel cast, al servizio di uno spettacolo perfetto. L’unico rammarico è stata la conclusione prematura, questo paese ha bisogno di spettacoli del genere.

 

Come sei stato scelto per il ruolo da protagonista in “Shrek il musical”?
Nel modo più spaventosamente semplice. Attraverso una serie di provini, tra Milano e Roma, davanti ai registi Ned Grujic e Claudio Insegno. Molto spesso la gente non pensa che grinta, determinazione e talento bastino per superare un’audizione e questo mi intristisce. I rospi da ingoiare facendo questo mestiere sono tanti, ma la costanza, l’umiltà e la dedizione vengono premiate sempre.

Il musical sarà interamente in italiano? Chi si è occupato della traduzione? Chi curerà regia e coreografie?

Il musical sarà completamente in italiano grazie al testo tradotto ed adattato da Claudio Insegno, le canzoni a cura di Piero di Blasio, impegnato anche nel ruolo del cattivissimo Lord Farquaad. Avremo la possibilità di creare lo spettacolo accanto a Claudio e al regista dell’edizione parigina, Ned Grujic, noto in Francia grazie ai successi di “Hair” e ”Frankestein Jr.”. Lavorare con Claudio è un piccolo sogno che si realizza: ho seguito da fan tantissimi suoi lavori da “Joseph e la strabiliante tunica dei sogni in technicolor”, “Cannibal the musical”, “Plaza suite ”e ho sempre ammirato il suo gusto per il comico ed il surreale ed uno spettacolo come questo può essere sicuramente una valvola di sfogo per la sua innata verve comica. Le coreografie saranno di Valeriano Longoni, coreografo noto per le tantissime trasmissioni televisive come “Le iene”, “Scherzi a parte”, “Colorado cafè”. Ma per fortuna, per quanto mi riguarda la parte coreografica sarà minima, l’imbottitura mi spaventa non poco..

Per essere “Shrek” riteniamo saranno necessarie lunghe sedute di trucco. Hai già provato? Cosa ne pensi?
Per adesso la realizzazione del calco del mio viso mi è bastata. Un paio d’ore dovendo respirare solo dal naso sono state difficili da sopportare. Sergio Stivaletti, il creatore di tutti gli effetti dei film di Dario Argento, sta lavorando alla realizzazione della maschera. Sono curioso di vederla tanto quanto voi . Anche se il pensiero di ore di trucco mi spaventa…chiederò a Michel Altieri, credo mi possa dare ottimi consigli su come ingannare il tempo! Vi regalo un filmato, montato dall’amico Manuel Mercuri, che riguarda appunto la realizzazione della maschera (lo trovate più sotto, ndr).

Sarà uno spettacolo per i bambini o adatto anche a un pubblico più vasto?
Lo spettacolo, come il film, abbraccerà un pubblico vasto: i bambini si divertiranno rivedendo la fiaba e tutti i personaggi amati, gli adulti sicuramente apprezzeranno l’umorismo dissacrante che mette alla berlina tutti i cliché del genere. Poi i vari sberleffi al mondo del musical presenti nello spettacolo saranno apprezzati dagli appassionati del genere. Ma fondamentalmente sarà uno spettacolo che insegna a tutti a non avere paura del “diverso”, un concetto più attuale che mai, e a non giudicare mai dall’aspetto esterno.

Sono impegnative le canzoni del musical?
Sono impegnative ma bellissime. Alcune richiederanno un bello sforzo emotivo, il personaggio di Shrek si avvicina molto a me, e dover cantare momenti che hai vissuto davvero nella vita è una sfida interessante. A Londra ho incontrato il mio alter-ego inglese, Dean Chisnall, e mi ha incoraggiato moltissimo, assicurandomi che la fatica sarà enorme, come le soddisfazioni che riceverò da questa interpretazione. Quindi durante le prove inizierò un bel training per affrontare al meglio l’impegnativo sforzo vocale.

Dopo questa esperienza quale ruolo ti piacerebbe affrontare in futuro, sempre nell’ambito musical ovviamente?
Adoro mettermi in gioco, non voglio fossilizzarmi, quindi vorrei continuare il mio percorso affrontando sempre ruoli diversi. Dal Cassio di “OthelloOperaRock”, Baloo, Capitan Uncino, al frate, allo scagnozzo del boss ho sempre diversificato il mio lavoro cercando di mettermi al servizio del personaggio. Magari il prossimo sarà un ruolo drammatico, chi lo sa, anche se il mio sogno nel cassetto sarebbe quello di interpretare Gaston in “Gigì”, magari accanto a Johnny Dorelli. Sulla mia pelle ho provato che i sogni si realizzano, quindi finchè potrò non smetterò mai di farlo. E vorrei che tutti seguissero il mio consiglio.

(le foto di Nicolas Tenerani sono  © Giulia Marangoni)

 

 

Il cast di "Shrek il musical" al completo

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, Resta aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del musical.

©2019 MUSICAL.IT - C.F. 02634550400 - P.I. 13258930158