Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia a “Could We Start Again?”

News

Scritto da: Redazione • 21 Aprile 2022
Sei in:  / Home / News / Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia a “Could We Start Again?”

Puntata memorabile quella che ci propone Could We Start Again? il prossimo martedì 26 aprile h 21. Saranno ospiti due ‘mostri sacri’ del teatro italiano: Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia. Portatori sani di un’idea di spettacolo versatile, di gran classe e ad alto tasso professionale, hanno diviso più volte il palcoscenico e hanno regalato al pubblico del teatro, della tv e del cinema interpretazioni di grande spessore. Si racconteranno al pubblico del web tra ricordi, progetti, aneddoti e riflessioni sul mondo teatrale, offrendoci il punto di vista di due protagonisti assoluti. Particolarmente imperdibile sarà la consueta ‘intervista doppia’.
Roberto Mazzone ci presenterà inoltre alcune anticipazioni sugli show previsti nei nostri teatri in questa e nella prossima stagione; condurranno il programma il presentatore Andrea Celeghin e l’autore Franco Travaglio.
L’appuntamento per tutti gli appassionati è sulla pagina web della trasmissione, sul sito ufficiale e sulla pagina YouTube ufficiale. #StartTheMusical

Could We Start Again è un web-show che affronta la difficile situazione del teatro mondiale dopo la crisi pandemica, coinvolgendo i più grandi artisti italiani. Le ventidue trasmissioni andate finora in onda hanno superato le 20000 visualizzazioni.

Gianluca Guidi inizia la carriera come cantante, partecipando al Festival di Sanremo 1989 con il brano Amore è, scritto da Alberto Testa per le parole e da Augusto Martelli per la musica. L’anno successivo ritorna al Festival di Sanremo (condotto in quell’edizione da suo padre Johnny Dorelli) con Secondo te, sempre su musica di Martelli ma con il testo scritto da Giorgio Calabrese, classificandosi al 3º posto nella sezione “Novità”; sempre nel 1990 pubblica il suo album di debutto, Eddy and me. Esordisce in teatro nel 1992 nella commedia musicale Parole d’amore parole con Nino Manfredi. In Gigi è Gaston de Lachailles, accanto ad Ernesto Calindri. A Roma, nel 1995, è in scena in un one-man show, Chiacchierata informale, con la regia di Ennio Coltorti e la produzione di Gigi Proietti. Nel 1998 è produttore musicale della versione italiana del musical My Fair Lady di Lerner e Loews. Dal 1998 al 2000 è Vernon Gersch in Stanno suonando la nostra canzone, regia di Gigi Proietti, raggiungendo le 280 repliche. Nel 2000 fonda la Salieri Entertainment, società di produzione; co-produce con Gigi Proietti Taxi a due piazze, commedia di Ray Cooney, diretta dallo stesso Proietti e in cui Guidi interpreta il protagonista. Nel 2001 cura la regia e produce Serial killer per signora di Douglas J. Cohen; per questo musical riceve il premio IMTA per miglior regia e miglior produzione di musical. Dal 2002 al 2004 produce Promesse promesse, la commedia di Neil Simon e Burt Bacharach, di cui cura la regia con il padre. Guidi ne interpreta anche il protagonista C.C. Baxter. Nel 2003 collabora alla produzione di Lennon & John di Giancarlo Lucariello, prodotto dal fratello Gabriele Guidi e con la regia di Massimo Natale, con Giampiero Ingrassia e Giuseppe Cederna. Nel 2004 interpreta Paul Bratter nella commedia di Neil Simon A piedi nudi nel parco, recitando a fianco di Anna Falchi, commedia di cui è produttore e regista e per cui ha composto anche le musiche. Nell’estate 2005 al Globe Theatre di Roma interpreta Joseph Surface nell’opera di R. B. Sheridan Gossip – A scuola di maldicenza per la regia di Toni Bertorelli. Suoi recenti grandi successi sono gli spettacoli teatrali The Producers (versione italiana del famoso musical di Mel Brooks) insieme ad Enzo Iacchetti con la regia di Saverio Marconi e la produzione della Compagnia della Rancia, e E sottolineo se, ovvero la resistibile ascesa di Gianluca G. Nel 2008 inizia a portare nei teatri la commedia Facciamo l’amore di Norman Krasna, della quale è regista e protagonista, a fianco di Lorenza Mario ed Enzo Garinei. Dal dicembre 2009 è protagonista della quinta edizione di Aggiungi un posto a tavola in cui interpreta Don Silvestro, ruolo che fu reso famoso dal padre che lo interpretò nelle prime 3 edizioni. Il successo di questa edizione (secondo soltanto alla prima edizione del 1974) ha fatto sì che la tournée fosse replicata anche per la stagione 2010/2011. Nel 2010 è con Giampiero Ingrassia protagonista al Globe Theatre di Roma ne: I due gentiluomini di Verona di William Shakespeare, con la regia di Francesco Sala. Nella stagione 2011-2012 cura due messe in scena firmando la regia di Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa interpretata da Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Miriam Mesturino la partecipazione straordinaria di Raffaele Pisu, e di Stanno Suonando la Nostra Canzone di Neil Simon con Giampiero Ingrassia e Simona Samarelli. Nel 2011 riceve il riconoscimento speciale Leggio d’oro “Alberto Sordi”. Dal 12 ottobre 2017, torna in teatro con il celebre Aggiungi un posto a tavola, nel ruolo di Don Silvestro e affiancato da Emy Bergamo nel ruolo di Consolazione e di Beatrice Arnera in quello di Clementina; mentre la voce di Dio è di Enzo Garinei. È stato il protagonista anche dell’edizione successiva del musical, dal novembre 2019 al marzo 2020. Nel 2019-2020, con Giampiero Ingrassia, Maurizio IV – Pirandello Pulp di Edoardo Erba. Per la televisione dal 1997 al 2000 è l’Ispettore Giuliani nella fortunata serie televisiva Linda e il brigadiere accanto a Nino Manfredi e Claudia Koll. Nel 2016 è ospite del programma di Maurizio Costanzo Parliamone per ricordare i 65 anni di carriera del padre, Johnny Dorelli. Nello stesso anno interpreta Padre Amatucci in The Young Pope, serie televisiva creata e diretta da Paolo Sorrentino. Partecipa assiduamente, nelle vesti di ospite, al programma radiofonico Viva Radio 2, condotto da Rosario Fiorello e Marco Baldini, dove si è distinto per l’interpretazione di varie canzoni (soprattutto in lingua inglese) e per la trascinante risata che punteggia i vari personaggi interpretati da Fiorello e gli interventi degli ospiti. Nella puntata del 10 novembre 2006, che ha avuto come ospite Laura Pausini, ha avuto l’occasione di sostituire Marco Baldini accanto a Fiorello. Anche la trasmissione Gli spostati nel 2007 l’ha visto come ospite fisso per dieci puntate nel mese di settembre. Nell’estate 2010 conduce su RadioUno Gianvarietà, uno show di mezz’ora in onda da lunedì a venerdì alle 13.30, con Claudio Pallottini e Massimiliano Giovanetti, con al pianoforte il Maestro Riccardo Biseo e la partecipazione di Valentina Cenni e Enzo Garinei. Nell’ultima puntata del programma il 10 settembre 2010 Guidi ospita suo padre Johnny Dorelli (cosa mai avvenuta prima). Il programma ha avuto un discreto successo, tanto da convincere la direzione di Radio 1 a prolungarlo di una settimana, compatibilmente con gli impegni teatrali di Guidi, di Garinei e della Cenni (tutti recitanti in “Aggiungi un posto a tavola”). La trasmissione è stata confermata anche a partire dal 4 luglio 2011 con al pianoforte Andrea Rea al posto di Riccardo Biseo. Successivamente confermata, visto il successo, anche per tutto l’inverno 2011/2012 con al pianoforte il Maestro Andrea Bianchi al posto di Rea. L’orario della trasmissione viene spostato alle ore 14,45, sempre dal lunedì al venerdì fino alle ore 15.30 con una durata di 45 minuti. Nell’edizione invernale canta dal vivo, insieme al Maestro Andrea Bianchi, i brani del suo repertorio swing. Inoltre a “Gianvarietà” a partire dal 12 settembre 2011 fino al 29 giugno 2012 canta la canzone “Ne parliamo domani” utilizzata come sigla finale, scritta da Marcello Marchesi e Augusto Martelli.

Giampiero Ingrassia, nato a Roma, si è diplomato al Laboratorio Teatrale di Gigi Proietti. Debutta in teatro nel 1983 con lo spettacolo “L’asso nella manica” per la regia di Raffaele Stame. Da allora costruisce una brillante carriera trentennale tra prosa, tv, cinema e radio.
In teatro recita accanto a Gigi Proietti in “Cirano”; è diretto da Alvaro Piccardi in “Oh, Luciano!” e “Il viaggio di L.”, da Riccardo Reim in “Il frate”, da Luigi Squarzina in “I cinque sensi” (con Sergio Fantoni), da Massimo Cinque nella commedia di Neil Simon “Invito in scena con delitto”. Seguono: “I topi ballano” regia di Mattia Sbragia, “I guardiani di porci” con Flavio Insinna, “Luv” con Edy Angelillo e Fabio Ferrari per la regia di Patrick R. Gastaldi, “Prigionieri di Guerra” insieme a Luca Zingaretti che ne cura anche la regia. Duccio Camerini lo dirige in “Zot” e in “Dieci decimi”. È il protagonista di “Lennon e John” con Giuseppe Cederna diretto da Massimo Natale e Giancarlo Lucariello, della commedia “Harry ti presento Sally” con Marina Massironi e di “Quattro matrimoni e un funerale”, entrambi per la regia di Daniele Falleri, di “Destinatario sconosciuto” con Mauro Mandolini, di “Michelina” con Maria Amelia Monti per la regia di Alessandro Benvenuti e di “Testimoni” di Angelo Longoni. Nel 2010 con Gianluca Guidi è al Globe Theatre di Roma con la commedia di W. Shakespeare “I due gentiluomini di Verona”, tradotta da Vincenzo Cerami, musicata da Nicola Piovani, diretta da Francesco Sala e supervisionata da Gigi Proietti. Nel 2011 debutta alla regia con “Colpevoli” con cui vince il bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel maggio 2014 affianca Gianluca Guidi in “Taxi a due piazze”, la travolgente commedia nata dall’ironica penna del commediografo inglese Ray Cooney e tradotta e adattata da Jaja Fiastri.
In televisione partecipa a: “Beauty Center Show”, al fianco di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, “Con licenza dell’autore” con Sergio Zecca, “Grand Hotel” regia di Giancarlo Nicotra. È uno dei protagonisti dei serial “Classe di Ferro (1 e 2) e “Quelli della speciale” diretti da Bruno Corbucci. Conduce più di 100 puntate del quiz “Tira e molla” con Luisa Corna, “Campioni di Ballo” con Lorella Cuccarini e ”Matinée” insieme a Rossella Brescia. Seguono i tv movie “Tutti per uno” con Anna Valle e Franco Castellano e “Così come la vita” diretto da Roberta Orlandi, il film “La Banda” per la regia di Claudio Fragasso, la fiction “Ma il portiere non c’è mai?” con la regia di Pipolo e Carlo Corbucci.
Per il cinema ricordiamo: “La caccia, il cacciatore, la preda” di Andrea Marzari, “Ti amo Maria” con la regia di Carlo Delle Piane, “Stressati” di Mauro Cappelloni, “Come inguaiammo il cinema italiano” di Ciprì e Maresco, “Terapia Roosevelt” di Vittorio Muscia, il cortometraggio “Bastiano” diretto da Andreij Tarkovskj jr, “Ti stramo” regia di Pino Insegno e Gianluca Sodaro, “The Museum of Wonders” di Domiziano Cristopharo, “Il rito” regia di Mikael Hafstrom, “Un Natale stupefacente” con Lillo e Greg.
Con il musical, però, instaura un amore di lunga data: nel 1989 è il protagonista di “La piccola bottega degli orrori”, primo musical della Compagnia della Rancia, con Edy Angelillo e Cesare Bocci; nel 1995 è Capitan Tempesta ne “Il pianeta proibito” con la regia di Patrick Rossi Gastaldi; dal 1997 al 1999 veste il giubbetto di pelle di Danny Zuko nella prima storica edizione di “Grease”, a fianco di Lorella Cuccarini. Nel 2000 è Erode nel “Jesus Christ Superstar” di Massimo R. Piparo con Carl Anderson; nel 2001 debutta, con Tosca, al Festival di Taormina con il musical “Salvatore Giuliano” di Dino Scuderi, che riprende esattamente dieci anni dopo con Barbara Cola al suo fianco. Dal 2001 al 2003 si “spoglia” con Rodolfo Laganà e Bob Messini in “The Full Monty” per la regia di Gigi Proietti; seguono “Nights on Broadway”con la regia di Massimo R. Piparo (2002) e la versione musicale di “Sogno di una notte di mezza estate”, con Giorgio Albertazzi (che ne cura anche la regia), Serena Autieri ed Enrico Brignano. Nella stagione 2011/2012 è in tournée con la commedia musicale “Stanno suonando la nostra canzone” insieme a Simona Samarelli, diretti da Gianluca Guidi. Dal 2012 al 2015 ha vestito i panni del protagonista – il brillante e stimato dottor Frederick “Frankenst-I-n”, che al cinema fu di Gene Wilder, con cui ha vinto il Premio Flaiano 2013 – nel musical prodotto da Compagnia della Rancia “Frankenstein Junior”.
Nell’agosto 2016 debutta a Borgio Verezzi, al fianco di Gianluca Guidi, nell’originale e intrigante commedia musicale di Douglas J. Cohen “Serial killer per signora” e a settembre vince il Premio Persefone 2016 come migliore attore protagonista di musical per “Cabaret”.
Nel 2017 debutta sempre a Borgio Verezzi con la commedia Non mi hai più detto ti amo con Lorella Cuccarini in tour fino al 2018/19 in tutta Italia.
Come cantante, conta anche esperienze come lead vocal di gruppi Hard Rock. Libri? Ancora no, ma ha scritto una sentita e divertente prefazione per “Due cialtroni alla rovescia” (2004), un libro di Fabio Piccione sulle origini della comicità di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Nel 2006 diventa uno dei soci e creatori della Fonderia delle Arti di Roma, scuola di musica, teatro, cinema e fotografia, nonché direttore della sezione Teatro e Musical.
Nel 2019-2020, con Gianluca Guidi, interpreta Maurizio IV – Pirandello Pulp di Edoardo Erba, e nel 2019-22 La piccola bottega degli orrori, regia Piero Di Blasio.

© Musical.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, Resta aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del musical.

©2022 MUSICAL.IT - P.I. e C.F. 01262820432