Il musical “Scugnizzi” torna a Roma

News

Scritto da: Redazione • 4 Marzo 2011
Sei in:  / Home / News / Il musical “Scugnizzi” torna a Roma

Torna sul palco del Sistina C’era una volta… Scugnizzi,  lo spettacolo di Claudio Mattone, scritto con Enrico Vaime, amato dalla critica e da un pubblico di ogni età. Il primo grande musical “newrealista” italiano con una grande attenzione al sociale e ai giovanissimi (‘e “ccriature” della canzone “Ajere”), che sono la vera e forse unica speranza per il futuro di una città bella e tormentata come Napoli. Negli anni le musiche di Mattone e lo spettacolo hanno vinto una lunghissima serie di premi come  il Premio ETI – Olimpici del Teatro come miglior musical, 2 David di Donatello alle musiche, Nastro d’Argento alle musiche, Globo d’Oro alle musiche, Ciak d’Oro alle musiche. Anche quest’anno un cast di 25 giovani e talentuosi ragazzi renderanno vivo e vitale il palcoscenico continuando la fortunata tradizione di questo spettacolo che vanta più di 600 repliche e più di 600.000 spettatori.

 

“Era il 1987 quando Nanni Loy ed Elvio Porta mi chiesero di scrivere la colonna sonora del film SCUGNIZZI. Si trattava di un film musicale ambientato nel carcere minorile di Nisida; interpreti quei ragazzi a rischio cui la realtà della strada offre ben poche alternative: la malavita o il niente. Era già da tempo che mi appassionavo a problemi e tematiche di questo genere e quindi la proposta mi trovò in piena sintonia. Mi misi a lavorare con grande entusiasmo e ne nacquero alcune delle canzoni cui sono rimasto più legato nel tempo: “Carcere ‘e mare”, “Magnifica Gente”, “’A città ‘e Pulecenella”,“Perzóne perzóne”, “Scétate scé…”, “Parlanno parlanno”, “Zòccole” ecc. Cominciai a sognare un grande musical interpretato da ragazzi, un’opera che esprimesse una napoletanità moderna, non folkloristica, fatta di impegno e di lavoro, lontana dagli stereotipi e dai luoghi comuni.

Più di 40 ragazzi in Compagnia (tra attori e tecnici) per ogni edizione del musical, moltissimi dei quali oggi, a distanza di tempo, lavorano stabilmente in teatro, in cinema ed in televisione; In fondo questa è la mission di Scugnizzi: indicare una possibile strada, un possibile mestiere ai ragazzi che hanno particolare attitudine e passione per la musica e per il teatro, offrendo loro non un’ illusione ma un lavoro vero e proprio. Scugnizzi come una palestra, un laboratorio, un cantiere. Tra noi della compagnia spesso ci diciamo che Scugnizzi è un modo di pensare, un modo diverso di essere napoletani, un momento di riscatto e un desiderio di futuro”.

Claudio Mattone

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, Resta aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del musical.

©2020 MUSICAL.IT - P.I. e C.F. 01262820432