“Rent” parlerà… napoletano

News

Scritto da: Redazione • 26 Giugno 2012
Sei in:  / Home / News / “Rent” parlerà… napoletano

Nel prossimo settembre, al Festival Benevento Città Spettacolo 2012, debutterà il celebre musical "Rent" di Jonathan Larson, in una versione in napoletano, ambientata nel cuore della città partenopea, diretta dal regista Enrico Maria Lamanna,  Lo spettacolo sarà poi in tour nelle maggiori città italiane. Al casting (il bando nella nostre sezione "Audizioni") sarà presente Anthony Rapp, protagonista della storica edizione di Rent, che appoggia e affianca il progetto. “Io vivo tra Roma e New York pur essendo napoletano doc, orgoglioso del mio sole – ha dichiarato il regista Lamanna – Imbevendomi in musical e testi americani d’oltreoceano; recentemente ho anche diretto a New York un testo americano che ha riscosso un bel successo. Altre produzioni hanno portato Rent in Italia, ma sembra che questo titolo non attiri il pubblico italiano, sebbene vincitore di Tony Award e premio Pulitzer e sebbene in tutto il mondo sia apprezzato. Sicuramente si mette in scena una storia newyorkese che in Italia non attecchisce per via di un pubblico troppo "viziato"e smaliziato… E allora come far diventare questo capolavoro un gioiello anche per noi? – continua Lamanna – Ecco: il progetto:Rent deve avvicinarsi a noi in maniera diversa pur mantenendo la musica,le atmosfere, la storia.Qual è la città più vicina a New York nel mondo che è pure sul suo stesso asse? Qual è quella città con un fermento giovanile fortissimo? Qual è quella città con problemi di vita come sfratti, disoccupazione e spazzatura? La mia città:Napoli.Tutto mi è stato chiaro: Rent deve vivere in napoletano, vivere nei nostri vicoli, nei nostri problemi, nella nostra invivibilità. Subito ne ho parlato a New York timoroso ad Anthony Rapp, protagonista del musical ,cantante attore amico-fratello di Jonathan Larson.L’emozione di Anthony alla descrizione di una Napoli davanti ai drammi che vive, la bellezza, la rabbia, l’amore della mia città lo hanno portato ad entusiasmarlo e ad amare il progetto. PIù di sedici ragazzi napoletani verranno coinvolti nella storia dove è protagonista Napoli,e se in americano vengono evocati dai protagonisti, in un gramelot musicale, i miti e le nuove realtà artistiche newyorchesi,qui verranno evocati DeFilippo, Ruccello, Scarpetta, Servillo, Martone Falso Movimento….E se loro inneggiano a La Vie Boheme noi inneggiamo a La mia città e se Maureen, uno dei personaggi della storia, fa una performance in un centro sociale contro gli sfratti degli edifici centri sociali o luoghi di ricovero per i senza tetto..la nostra Maureen farà una parabola sul problema rifiuti…”. Queste le affermazioni di Enrico Maria Lamanna che, probabilmente, faranno discutere, visto che l’edizione in italiano era stata prodotta e curata da Nicoletta Mantovani e Luciano Pavarotti e dire che non era stato un successo è quantomeno opinabile. E voi che ne pensate? Scrivetelo sulla pagina del Musical Club!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, Resta aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del musical.

©2021 MUSICAL.IT - P.I. e C.F. 01262820432