Saverio Marconi: i miei progetti

News

Scritto da: Redazione • 14 Febbraio 2009
Sei in:  / Home / News / Saverio Marconi: i miei progetti

In un’intervista a "Il Corriere dell’Umbria", in occasione del debutto ad Assisi di "High School Musical", il regista Saverio Marconi torna a parlare del musical su San Francesco e del suo amore per la campagna di Tolentino.

Saverio Marconi pensa a San Francesco.

Il re del musical passerà dal college americano alle gesta del Santo di Assisi.

di Sabrina Busiri Vici

Saverio Marconi vorrebbe vivere ritirato nella sua campagna di Tolentino, ma il teatro non glielo consente. Dopo anni passati sul palcoscenico come attore e regista è “costretto” ancora a sfornare musical e giovani talenti per il palcoscenico. Saverio Marconi è insostituibile. L’attività di insegnante la svolge sia nella sua scuola di musical sia attraverso la partecipazione a talent show come “Amici”. E Il resto del tempo lo dedica senza soste alle produzioni della Compagnia della Rancia, fondata da lui stesso venticinque anni fa, proprio per mettere in scena il musical sdoganando titoli di successo dall’America e dall’Inghilterra. Là dove questo genere è di casa. Ora è “High school musical” il fenomeno del momento su cui Marconi punta tutto. Lo spettacolo, nella versione italiana della Compagnia della Rancia messa in scena con l’aiuto di Federico Bellone, ha la storia, le canzoni, le scene del famosissimo Disney channel original movie. Il musical, gettonatissimo, sarà in scena al Teatro Lyrick da venerdì fino a domenica. La Disney ha concesso solo all’Italia di poter agire liberamente su “High school musical”. Come vi siete guadagnati la stima? “Lavorando. C’è di più: dall’estero ci stanno arrivando delle proposte per avere una nostra produzione. Vogliono vedere qualcosa di italiano. Così, dopo aver firmato regie oltre confine, mi sperimenterò in quest’altra sfida”. Un traguardo ambìto. A cosa sta pensando? “No, non posso dire nulla”. High school musical è stato definito il nuovo Grease. Ma le generazioni cambiano e gli eroi pure… “In Grease l’eroina è lei che vince trasformandosi da santarellina in donna fatale. In High school musical c’è coralità: sono i gruppi a stringersi per dare il meglio”. Un po’ meno romantico… “No, non direi. Grease è un musical prodotto negli anni Settanta che si rifà ai giovani degli anni Cinquanta. C’è quindi un elemento nostalgico forte e suggestivo. In High School Musical, invece, siamo nella contemporaneità. E’ l’oggi”. Non vi ha stuzzicato l’idea di trasformare il collage americano in una scuola italiana? “L’elemento di successo va assolutamente conservato. E High school musical nella versione film vanta il record di essere il più visto nella storia della tivù via cavo. Il collage poi è una realtà che ormai appartiene al nostro bagaglio di conoscenze: i giovani l’hanno fatta loro”. Ha diretto un cast di 22 artisti appena maggiorenni. Ha dovuto insegnare loro tutto? “Prima di affrontare i provini ero seriamente preoccupato. Poi sono arrivati in tantissimi e tutti molto preparati perciò il lavoro è andato avanti molto bene”. Giovani artisti motivati e sopratutto ben preparati. Sta funzionando la formazione? “Diciamo che sta passando il messaggio, anche grazie ai talent show in onda, che bisogna impegnarsi per raggiungere risultati”. E’ questo che insegna nella sua scuola di musical? “Pongo due regole fondamentali. La prima: questo lavoro deve essere fatto con grande passione perché non è un lavoro utile come il medico. Secondo: cerco di far comprendere cos’è il successo che non è fama e gloria ma vivere del lavoro che si ama”. E’ vero che nel 2010 farà un musical su San Francesco? “Siamo ancora nella fase di stesura delle musiche e dei testi, non ancora in quella del sogno; quando comincio a immaginare lo spettacolo e le scene scorrono davanti a me come fosse già realizzato. Perciò preferisco non anticipare altro. Come ho detto, il mio desiderio è di stare in campagna a leggere”
 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, Resta aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del musical.

©2019 MUSICAL.IT - C.F. 02634550400 - P.I. 13258930158