Su Disney+ “Meglio Nate Che Niente”

News

Scritto da: Redazione • 3 Aprile 2022
Sei in:  / Home / News / Su Disney+ “Meglio Nate Che Niente”

E’ disponibile sulla piattaforma Disney+ un nuovo film musical, per ragazzi ma più in generale per tutti gli appassionati di musical e di Broadway. Il titolo italiano (non tra i più felici) è “Meglio Nate Che Niente“. Il tredicenne Nate Foster sogna con tutto se stesso Broadway. C’è solo un problema: non riesce nemmeno a ottenere una parte nel musical scolastico. Ma quando i suoi genitori lasciano per due giorni la città, Nate e la sua migliore amica Libby vanno di nascosto nella Grande Mela per un’opportunità unica nella vita e per dimostrare a tutti che si sbagliano. Un incontro casuale con la zia Heidi, che Nate non vede da tempo, stravolge il suo viaggio. Insieme dovranno imparare che le più importanti avventure della vita sono grandi quanto i propri sogni.
La regia è di Tim Federle, che adatta un suo romanzo, con un cast guidato dal 15enne Rueby Wood (già attore teatrale qui al debutto in un film) insieme ad Aria Brooks, Norbert Leo Butz, Lisa Kudrow, Joshua Bassett. Federle, classe 1980, in passato ballerino teatrale, per Disney è già stato sceneggiatore del film d’animazione Ferdinand e showrunner di High School Musical: The Musical – La serie ed ha in preparazione da regista Sister Act 3 con Whoopi Goldberg. “Volevo che il film potesse arrivare a tutti quelli che avessero un sogno da realizzare, sia che questo fosse arrivare a Broadway o semplicemente, ‘trovare le persone giuste nella propria vita, quelle che vedono davvero chi sei e che non cercano di cambiarti – ha spiegato Federle nella conferenza stampa in streaming – Al film ho cercato di infondere la massima autenticità. Il pubblico può non rivedersi in Nate e nel suo sogno ma comunque trovarsi nel suo desiderio, comune a tutti noi, di essere accettati, amati, celebrati e supportati“.
Il desiderio principale di Nate è essere stesso – spiega il quindicenne Rueby Wood, scelto dopo un lungo percorso di audizioni – l’intera storia parla di come impara ad esserlo e ad amare la propria identità. E’ un percorso magico e prezioso. Io nella mia vita sono stato fortunato ad avere intorno a me un gruppo di supporto straordinario che mi aiuta a crescere, ma ci sono tanti ragazzi che non ce l’hanno e che non riescono ad adattarsi e a sentirsi parte di qualcosa. Spero che tutti loro vedendo il film possano sentire un senso di appartenenza e che hanno un posto nel mondo“.

© Musical.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER, Resta aggiornato sulle ultime notizie dal mondo del musical.

©2022 MUSICAL.IT - P.I. e C.F. 01262820432